Vai al contenuto

Rischio idrogeologico e idraulico

Vedi anche: Rischio idrogeologico Rischio idraulico Rischio grandi dighe

L’idrogeologia è la disciplina delle scienze geologiche che studia le acque sotterranee, anche in rapporto alle acque superficiali. Nell’accezione comune, il termine dissesto idrogeologico viene invece usato per definire i fenomeni e i danni reali o potenziali causati dalle acque in generale, siano esse superficiali, in forma liquida o solida, o sotterranee. Le manifestazioni più tipiche di fenomeni idrogeologici sono frane, alluvioni, erosioni costiere, subsidenze e valanghe.
Il rischio è differenziato e definito come:

  • Il rischio idrogeologico (frane), ovvero la probabilità di subire conseguenze dannose a persone, beni, attività agricole ed economiche e animali, in seguito al manifestarsi di fenomeni franosi dei versanti.
  • Il rischio idraulico, si intende la probabilità di subire conseguenze dannose a persone, animali, beni materiali e attività economiche in seguito al verificarsi dell’esondazione di un corso d’acqua.

Inoltre, data la peculiarità del territorio in esame, in questo ambito è stato analizzato anche il rischio grandi dighe, ossia la probabilità di subire conseguenze dannose a persone, beni materiali e attività economiche nelle zone a valle delle dighe, a seguito del verificarsi di eventi di piena con portate notevoli originati da manovre sugli organi di scarico, o dovuti al collasso dell'opera di ritenuta.

Torna a Rischi

image_print
Accessibility